LETTERA D'INVITO

Ai membri della Chiesa cattolica di Maiorca e delle altre confessioni cristiane con le quali condividiamo uno stesso amore per uno stesso Signore, ai cittadini della nostra amata terra: a tutti, i migliori auguri di pace e di speranza.

In occasione del settimo centenario della morte del Beato Raimondo vogliamo avvicinarci al suo mistero facendo memoria del suo messaggio, ringraziando il miracolo della sua fede. Possa aiutarci a scoprire il futuro che Dio ha racchiuso in esso per il nostro oggi.

+ Per saperne di più

Lettera d’Invito in altre lingue
es_ES ESPAÑOL ENGLISH
DEUTSCH PORTUGUÊS
ITALIANO FRANCES

NOTIZIE

Modificazione prima sessione del Congresso Ramon Llull
I: Ramon Llull i el projecte missional Dia 25

  1. a) Església i societat

Moderador: Paolo Evangelisti 9’30-10’45:Albert Soler 10’45-11’00  Descans 11’00-11’55  Maribel Ripoll 12’00-12’55 Joan Andreu

Il sito dell'Anno Raimondo Lullo, online
lloafigura Include news, attualità, link interessanti… www.ramonllull700.com. È il sito che contiene tutta l’informazione sugli eventi previsti per l’anno dedicato a diffondere la figura di Raimondo Lullo nel 700º anniversario della sua morte. La Commissione Diocesana di eventi, è stata preposta alla cura del sito. Il sito, che sarà disponibile in diverse lingue, è attualmente consultabile in catalano. Include news, attualità, link interessanti… Prossimamente fornirà informazioni relative al Convegno Internazionale che organizza la Commissione Accademica dell’Anno Raimondo Lullo. L’Anno Raimondo Lullo ha come obbiettivo studiare e diffondere, nel massimo rispetto e competenza, il pensiero di Raimondo Lullo, uno dei teologi e scrittori più rilevanti del Medioevo, non solo nei territori di lingua catalana ma in tutta la tradizione europea, considerato il maiorchino più universale di tutti i tempi.
Papa Francesco loda la figura di Raimondo Lullo
lloafigura Nelle brevi parole che ha rivolto al Vescovo di Maiorca, Mons. Javier Salinas, Papa Francesco ha lodato la figura del Beato Raimondo Lullo, “un esempio di dialogo interreligioso che permane tuttoggi”. I 100 peregrini che hanno partecipato all’udienza generale del mercoledì, oltre alle principali autorità politiche dell’isola hanno potuto sentire la vicinanza del Vescovo di Roma, che ha chiesto ai maiorchini si continuare a pregare Dio con l’intercessione del beato Raimondo Lullo. Il Vescovo di Maiorca, Mons. Javier Salinas, ha consegnato al Santo Padre due volumi contenenti opere di Raimondo Lullo: il “Blanquerna” e “Nostra Dona Santa Maria”. Inoltre, i peregrni hanno regalato al Papa una medaglia con un’immagine di Sant’Alonso Rodríguez, opera del Padre Miquel Garau, SJ. Ricordiamo che il Santo Padre ha manifestato in diverse occasioni la sua devozione al santo. In seguito è stata celebrata una messa di ringraziamento nella cappella della Casa Generale dei Gesuiti di Roma, presieduta dal Vescovo Javier. L’atto centrale del pomeriggio è stato la conferenza con il successivo ricevimento presso l’Ambasciata di Spagna alla Santa Sede. Mons. Jordi Gayà ha tenuto la conferenza “Raimondo Lullo, un santo per la missione nel secolo XXI”. L’ambasciatore Eduardo Gutiérrez Sáenz de Buruaga è stato l’oste della delegazione di Maiorca presente a Roma. Nel pomeriggio, la delegazione baleare si sposterà all’Ambasciata di Spagna presso la Santa Sede per assistere alla conferenza “Raimondo Lullo, un santo per la missione nel secolo XXI” a carico di monsignor Jordi Gayà, direttore dell’Istituto Superiore di Scienze Religiose di Maiorca. Domani, giovedì, il gruppo assisterà ad una Messa nell’altare della cappella di San Giuseppe a San Pietro, presieduta dal Vicario Generale della Diocesi, Mons. Antoni Vera.
La Commissione Diocesana organizzatrice del 700 anniversario della morte del Beato Raimondo Lullo si riunisce nel Palazzo Episcopale
lloafigura Oggi, mercoledì 2 aprile, ha avuto luogo un nuovo incontro della Commissione Diocesana che coordina gli atti del VIIº centenario della morte di Raimondo Lullo e dell’Anno Raimondo Lullo convocato dalla Diocesi da novembre 2015 a novembre 2016. All’incontro si è parlato delle attività previste per l’Anno Raimondo Lullo che inizierà il 27 novembre 2015 con l’apertura solenne dell’Anno con una messa nella Basilica di San Francesco e un concerto di Jordi Savall. Fino allo stesso giorno del 2016, si terranno diverse attività inquadrate in tre grandi aree: spiritualità e devozione, cultura e commemorazioni. Verranno elaborati diversi materiali devozionali, catechetici e didattici per divulgare la figura di Lullo e si darà impulso ai peregrinaggi e alle concentrazioni nei luoghi lulliani. Altre iniziative culturali saranno costituite da diverse mostre a Palma, Barcellona e Roma; mostre di fumetti ispirati alla vita del beato, conferenze, convegni internazionali e gare artistiche. L’Anno Raimondo Lullo ha come obbiettivo studiare e diffondere, nel massimo rispetto e competenza, il pensiero di Raimondo Lullo, uno dei teologi e scrittori più rilevanti del Medioevo, non solo nei territori di lingua catalana ma in tutta la tradizione europea, considerato il maiorchino più universale di tutti i tempi.
Santa Teresa e Raimondo Lullo, uniti in una conferenza
lloafigura A carico del Dott. Jordi Gayà e del Padre Agustí Borrell. Il giorno di San Giuseppe, patrono dei Carmeliti Scalzi della Catalogna e le Baleari, lo stesso giorno del Seminario, Santa Teresa di Gesù ha condiviso con Raimondo Lullo il protagonismo nella seduta accademica sull’esperienza mistica di entrambi nella Giornata delle Facoltà (di Teologia, di Filosofia ed Antoni Gaudí) celebrata nell’aula magna della Facoltà di Teologia della Catalogna. Il dott. Jordi Gayà, direttore dell’ISCR di Maiorca e il padre Agustí Borrell, professore e Direttore del Dipartimento di Sacra Scrittura, sono stati i relatori che hanno illustrato ai presenti le spiritualità del teologo baleare, considerato popolarmente beato, e della santa di Ávila. La sessione si è conclusa con la lettura di alcune poesie dei due mistici da parte degli alunni della facoltà e dello spuntino a base delle deliziose “torrijas de Santa Teresa”. Alla fine, la storica Mercè Gras, responsabile dell’archivio dei Carmeliti Scalzi della Catalogna e le Baleari, ha presentato la mostra “Le biblioteche di Santa Teresa”, nella Biblioteca Pubblica Episcopale, con edizioni antiche di alcuni dei libri che l’hanno accompagnata nella sua formazione, altre che ha consigliato come basilari per le biblioteche delle rispettive fondazioni e alcune edizioni primitive dei suoi scritti pubblicati da case editrici di Barcellona.
100 maiorchini peregrinano a Roma in occasione dell'Anno Raimondo Lullo
lloafigura I partecipanti assisteranno, mercoledì 11, all’Udienza Generale di Papa Francesco. Come preparazione degli atti commemorativi dell’Anno Raimondo Lullo, che inizierà nel mese di novembre 2015, la Diocesi di Maiorca organizza un peregrinaggio a Roma guidato dal Vescovo Javier Salinas dal 9 al 12 febbraio 2015. I partecipanti assisteranno mercoledì 11 all’Udienza Generale da Papa Francesco, dove il Vescovo di Maiorca gli farà dono di un volume con le opere del beato Raimondo Lullo. Inoltre, il Papa, riceverà una medaglia con l’immagine di Sant Alonso Rodríguez, figura a chi il pontefice dimostra grande devozione. Il bronzo ha per titolo “La Madonna assistendo a Sant Alonso Rodríguez durante la salita al Catello di Bellver” ed è opera del padre Miquel Garau, SJ. Nell’udienza, i peregrini saranno accompagnati dal Presidente del Governo Regionale, José Ramon Bauzà; il vicepresidente sig. Antonio Gómez; la Presidente del Consiglio Regionale, sig.ra Maria Salom e il sindaco di Palma, sig. Mateu Isern. Nel pomeriggio ci sarà un ricevimento nell’ambasciata di Spagna davanti alla Santa Sede, ove Mons. Jordi Gayà terrà una conferenza sul beato. I peregrini visiteranno, inoltre, la Chiesa del Gesù, il primo tempio Gesuita al mondo e le stanze di Sant Ignazio dove il fondatore dell’Ordine visse gli ultimi 12 anni della sua vita. Anche la Basilica di Santa Maria Maggiore, dove Mons. Javier presiederà la messa del 10 febbraio e le basiliche di Santa Prassede e San Giovanni in Laterano, oltre ai Musei Vaticani e alla Basilica di San Pietro.
Parole del Vicario Generale, Mons. Antoni Vera, nella presentazione dell'Anno Raimondo Lullo
lloafigura Sig. Presidente del Governo delle Isole Balerari, Egregie Autorità presenti, Amiche e amici, prima di iniziare il mio intervento, vorrei scusarmi per l’assenza del sig. Vescovo che è in visita dai nostri missionari del Perù e dell’Equador. Vi faccio arrivare da parte sua un caloroso saluto. Poche volte, in un modo così chiaro e contundente, l’espressione verbale coincide col contenuto che si intende esprimere. In quest’occasione, possiamo senza alcun dubbio parlare di un vero avvenimento storico al quale assistiamo: La celebrazione del 700º anniversario della morte del beato Raimondo Lullo. Raimondo Lullo il figlio più grande della nostra terra, il maiorchino più universale che ha attraversato i secoli, il filosofo, il teologo, il mistico, il riformatore della Chiesa e della società, il padre della nostra lingua, se me lo permettete, direi addirittura il precursore dell’informatica, ma soprattutto e in primo luogo, il laico cristiano che per amore di Dio lasciò la benvoluta isola per compiere il suo grande proposito di vita: portare a tutti la conoscenza di Gesucristo. Ricordiamo così la dimensione missionaria del nostro Beato. La Chiesa di Maiorca, da un tempo in qua, prepara e accoglie tutta una serie di attività proprie che svilupperà dal mese di novembre dell’anno prossimo, fino a novembre 2016. Inoltre, non poteva essere altrimenti, essa si congratula del fatto che i più alti istituti di questa terra si organizzino per commemorare un’effemeride di cruciale importanza. Quindi, insieme alle istituzioni e alla società civile, desidera collaborare in un modo decisamente generoso a rendere l’ANNO RAIMONDO LULLO un momento chiave per raggiungere tre obbiettivi:

  1. Serbare la memoria del nostro Beato.
  2. Preservare la sua festa tra di noi.
  3. Trasmettere a tutta la società, specialmente alle nuove generazioni, l’importanza della persona, dell’opera e della testimonianza di Raimondo Lullo.

Grazie e che Dio ci dia a tutti avvedutezza in questo così nobile compito. Palma, 10 dicembre 2014 Mons. Antoni Vera Vicario Generale

I responsabili politici e istituzionali danno il benvenuto alla Commissione d'Onore dell'Anno Raimondo Lullo durante un atto celebrato al Consolat de Mar.
lloafigura Il ‘Consolat de Mar’ ha accolto ieri la prima riunione della Commissione d’Onore dell’Anno Raimondo Lullo 2015-2016, che ha assunto la responsabilità di organizzare gli atti di commemorazione del settimo centenario della morte del beato di Maiorca. L’incontro è stato presieduto dal presidente del Governo, sig. José Ramón Bauzá, e vi hanno partecipato, da parte del Vescovado di Mallora, il Vicario Generale, Mons. Antoni Vera, in rappresentanza del Vescovo di Maiorca. Hanno partecipato, inoltre, in rappresentanza delle principali istituzioni ed enti che compongono la commissione, il presidente del Governo Regionale, sig. José Ramón Bauzà, che ha presieduto l’incontro; il presidente del Parlamento delle Isole Baleari, sig.ra Margalida Duran; il vicepresidente del Consiglio di Maiorca, sig. Joan Rotger; il sindaco di Palma, sig. Mateo Isern; il tenente colonnello e direttore del Centro di Storia e Cultura Militare delle Baleari, sig. Teodoro Pou; ed il segretario generale dell’Università delle Isole Baleari, sig. Pere Grimalt. Allo stesso modo, ha partecipato all’incontrro la persona che ha a suo carico la responsabilità di portare avanti il coordinamento delle attività conglobate nell’Anno Raimondo Lullo: il commissario autonomico, sig. Joan Francesc Romero. Successivamente all’incontro ha avuto luogo, nella Cappella del Consolat de Mar, la presentazione ufficiale della Commissione d’Onore, atto che ha radunato un numeroso gruppo di rappresentanti politici ed istituzionali. Durante il suo intervento, il Vicario Generale, Mons. Antoni Vera, ha affermato che la Diocesi “desidera collaborare in un modo decisamente generoso a rendere l’Anno Raimondo Lullo un momento chiave per raggiungere tre obbiettivi: serbare la memoria del nostro Beato, preservare la sua festa tra di noi e trasmettere a tutta la società, specialmente alle nuove generazioni, l’importanza della persona, dell’opera e della testimonianza di Raimondo Lullo”.
La Basilica di Sant Francesc celebra la festa del Beato Raimondo Lullo
lloafigura La Diocesi di Maiorca sta ultimando i dettagli per la celebrazione del VIIº Centenario della sua morte (2015-2016). Il prossimo 27 novembre, la Chiesa di Maiorca celebra la festa del Beato Raimondo Lullo. Il Vescovo di Maiorca, Mons. Javier Salinas, invita la comunità diocesana a vivere con fede e gratitudine questa festa. Durante molti secoli, e nonostante le molte difficoltà e contrattempi, il popolo cristiano l’ha venerato e ci si è affidato, reputandolo un modello di vita cristiana. La Diocesi di Maiorca sta ultimando i dettagli per la celebrazione del VIIº Centenario della sua morte (2015-2016), che si avvalerà di numerose attività, tra le quali spicca l’impulso al processo di canonizzazione del beato. Le celebrazioni intorno a quest’effemeride inizieranno con una preparazione i giorni 24, 25 e 26 novembre con una Messa alle ore 19:30 celebrata da Mons. Jordi Gayà. La festa del Beato Raimondo Lullo si terrà il 27 novembre alle ore 19.30 con una messa solenne nella Basilica di San Francesco, presieduta dal Vescovo Javier Salinas. Alle ore 20:30 nel salone del “Col·legi Sant Francesc”, avrà luogo l’atto accademico a carico del Padre Joan Nadal circa “Raimondo Lullo e l’Oriente”.
Accademici d'Italia, Brasile e Spagna partecipano alla riunione della Commissione Accademica dell'Anno Raimondo Lullo
lloafigura La Commissione Accademica che coordina gli atti del VIIº centenario della morte di Raimondo Lullo si è riunita stamane al Palazzo Episcopale per ultimare le attività dell’Anno Raimondo Lullo convocato dalla Diocesi da novembre 2015 a novembre 2016. In quest’occasione sono stati presenti all’incontro i rappresentanti del “Centre d’Estudis Teològics de Mallorca”, l’Università delle Isole Baleari, l’Università Autonoma di Barcellona, la Maioricensis Schola Lullistica, la Facoltà di Teologia della Catalogna, l’Istituto Archeologico Lulliano, l’Istituto Brasiliano di Filosofia e di Scienze di Raymond Lull – IBFCRL e la Pontificia Università Antonianum di Roma. Proprio un anno prima dell’inizio dell’anno commemorativo, nell’incontro di lavoro, si è parlato del Convegno Accademico Internazionale sulla figura di Raimondo Lullo che si terrà dal 24 al 27 novembre 2015 a Palma. Si tratta di un incontro di esperti riconosciuti nell’ambito degli studi lulliani che prenderanno in esame la sua figura da moltiplici punti di vista. La commissione accademica, formata da 15 centri accademici di tutto il mondo, tutela l’organizzazione di avvenimenti culturali intorno alla figura del Beato Raimondo Lullo, fra i quali saranno di spicco due grandi convegni internazionali, uno nel 2015 previsto a Maiorca e un altro nel 2016 che si terrà a Barcellona. Durante questi incontri si discuterà della figura di Raimondo Lullo da due prospettive diverse: come uomo di fede e missionario – base del suo sviluppo culturale – e come uomo di scienza. Si tratteranno temi come la teologia, il diritto internazionale, la letteratura, la storia, il dialogo interreligioso e, addirittura, l’informatica.

Calendari d’Activitats

luglio 2017
M T W T F S S
26 27 28 29 30 1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31 1 2 3 4 5 6

Propers Esdeveniments

No hi ha activitats properes

Digué l’amic a l’Amat: Jo no he deixat d’amar-vos, des del dia que us vaig conèixer. Car en Vós i per Vós i amb Vós he estat, onsevulla que fos.

Respongué l’Amat: Ni jo, després que tu m’haguessis conegut i amat, mai t’he oblidat ni mai per mai t’he enganyat ni t’he fallat”.

LLIBRE D’AMIC E AMAT, Ramon Llull

Organitza
Hi Col·labora